Consulenza finanziaria a tutto private.

Ha aperto formalmente le danze Azimut creando quasi nove anni fa la divisione . Wealth Management a seguire tutte le reti hanno formalizzato, chi prima o chi dopo, la costituzione di una rete nella rete: quella dei Consulenti Finanziari Private con portafogli superiori alla media ed elevata presenza di clienti private.

Banca Generali, chiama i suoi CF, Private Banker, Banca Mediolanum ha ulteriormente rafforzato la sua Divisione Private prendendo Alberto Martini, una vita in UBS, Fideuram ha da sempre un team di CF con portafogli e clienti HNWI, Allianz Bank ha una divisone private, Fineco, la banca multicanale per eccellenza, ha una divisione private, Deutsche Bank Financial Advisor ha una unit private. Anche Widiba ha recentemente varato un servizio private.

Oggi le reti dei Consulenti Finanziari gestiscono oltre il 30% del totale delle masse riconducibili a clienti private, ovvero a clienti con un patrimonio finanziario mediamente superiore al milione di Euro.

Il 77% dei clienti private si dichiara molto sodisfatto del proprio Consulente Finanziario di cui apprezza soprattutto la disponibilità (74%), la professionalità (69%), la capacità di offrire servizi che vanno al di là della pura gestione del patrimonio finanziario, ma abbraccino anche la protezione individuale e famigliare, i crediti e gli asset illiquidi (59%) (fonte: FINER® Finance Mirror 2019, base campionaria 1.097 interviste a clienti private e HNWI).

Dal canto loro i Consulenti Finanziari Private, sono molto più soddisfatti dei loro colleghi, per l’impegno e l’attenzione che la mandante riserva loro (74%), la possibilità di interagire direttamente con la Direzione (66%) e il supporto nelle attività di Pianificazione Patrimoniale che sempre più spesso la stessa mandante tramite un servizio di Advisory metta a disposizione dei CF Private per i loro clienti (59%).

Inoltre poiché i CF Private hanno mediamente grossi portafogli (in qualche caso superiori ai 100 milioni di Euro) anche la soddisfazione per i ritorni economici della propria professione è elevata (79%).

Un altro elemento che caratterizza i CF private è la qualità della formazione ricevuta dalla mandante, di cui sono soddisfatti (82%). Anche la presenza sul territorio con sedi prestigiose e di rappresentanza in cui poter incontrare i clienti è elemento di orgoglio e soddisfazione (75%).

I CF private hanno molto spesso a disposizione piattaforme digitali e App tra le più evolute per l’operatività bancaria e finanziaria dei loro clienti, in grado di soddisfarli massimamente oltre che a fornire un valido supporto ai CF stessi (81%).

A rendere ancor più forte la figura del Consulente Finanziario private è l’autostima superiore alla media (+ 17% verso altre figure professionali), il fatto che creda maggiormente nel proprio lavoro di “private banker” (+ 15%) e nella sua mandante (+11%) (fonti: FINER® CF, CF Top, Bank Manager, PB Explorer 2019, base: 7.190 interviste complessive ad altrettanti professionisti).

Soddisfatti, motivati, incentivati e coccolati dalla mandante, stimolati a servire una fascia di clientela molto importante dal punto di vista finanziario, i CF private rappresentano dunque l’avanguardia di una professione che si sta sempre più polarizzando.

La crescita del portafoglio medio del CF passata nel giro di pochi anni da 15 a 25 milioni di euro, la riduzione dei margini provigionali derivanti dall’attività finanziaria, hanno dato un’accelerazione ad un processo di auto-selezione dei professionisti iniziato ormai da qualche anno. 

In un mercato che si fa di giorno in giorno più complesso a vincere saranno i migliori professionisti e tra questi certamente i Consulenti Finanziari Private.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi