TANTO TUONÒ CHE NON PIOVVE?

A gennaio 2018 entrava in vigore la tanto temuta MiFID2, a due anni di distanza quale è il bilancio?  I Consulenti Finanziari, i Private Banker e i Gestori Bancari dedicati alla clientela affluent, cioè tutte quelle figure professionali che rappresentano il famoso ultimo miglio tra banca/rete e cliente finale sembra abbiano tutti passato l’esame, chi a pieni voti chi con un sei politico.  I loro clienti

continua a leggere...

L’italia della consulenza è pronta per i private asset?

Ecco come il mondo della distribuzione si sta attrezzando per trasferire i nuovi concetti legati agli investimenti in economia reale all’investitore finale di Alessio Trappolini  Nel 2019 si è tornato a parlare di economia reale e di come veicolare il risparmio privato degli italiani verso di essa. Più di 1.000 miliardi di euro immobilizzati nei

continua a leggere...

Tassi sotto zero, scendono in campo gli investimenti illiquidi

Quando la temperatura scende sottozero di norma l’uomo corre ai ripari. Idem in finanza, dove i tassi sottozero hanno fatto (ri)scoprire gli investimenti illiquidi oggi proposti anche al grande pubblico dei piccoli risparmiatori italiani. Il mantra di chi promuove questo tipo di investimento è “economia reale”, meglio ancora se nazional popolare: è molto affascinante investire in azioni

continua a leggere...

Tassi sotto zero, creatività a 1000 ma occhio alla fiducia del cliente

L’industria del risparmio gestito e della distribuzione (banche e reti) sta affrontando uno dei momenti più complessi della sua storia anche per il congelamento dei tassi sotto zero che ha una ricaduta negativa sulla già scarsa propensione dei risparmiatori a investire i loro risparmi. Se l’asset class storicamente preferita dagli italiani – i bond e

continua a leggere...

Rinascimento assicurativo

Che gli italiani siano un popolo cronicamente sotto assicurato non è una novità, qualche dato su tutti: 150 miliardi di Euro di premi di cui 120 relativi al ramo vita, 30 al ramo danni, di questi 15 relativi alla Responsabilità Civile Auto (obbligatoria), 15 ai danni non auto (di cui 7,5 in capo alle aziende

continua a leggere...

Quando la motivazione è tutto

Credo nel mio futuro professionale, credo nel futuro della funzione che svolgo e credo nel futuro della società per cui lavoro. Si tratta di un nuovo giuramento dei marines o di qualche adepto di Scientology?  Tutt’altro!  Sono tre domande essenziali che ognuno di noi si dovrebbe porre ogni giorno quando si alza per affrontare la giornata

continua a leggere...

Toglietemi tutto ma non la filiale

Siamo a Milano capitale della finanza italiana, in pieno centro, nella city, a pochi metri dal Credit Suisse, e dalla Bank of China, in via Santa Margherita, il palazzo è imponente, l’ambiente è accogliente, calde luci, opere d’arte moderna, un’iconica poltrona di pelle rossa della Frau, è una delle sedi di Mediolanum, pare che a

continua a leggere...

Poste italiane il leader silenzioso

Ricorda un po’ il Deserto dei Tartari di Dino Buzzati, la discesa in campo di Poste Italiane, in particolare di BancoPosta nell’arena del risparmio gestito e della consulenza finanziaria. Tutti, soprattutto le banche, ne aspettano e per certi versi ne temono l’avvento ma, diversamente dal giovane ufficiale Giovanni Drogo destinato all’antica Fortezza Bastian, in attesa

continua a leggere...

Sgr e distribuzione cambia il modello ma non la relazione

Quasi 30 anni fa le reti dei Consulenti Finanziari introdussero per prime un’ampia selezione di prodotti di terzi che garantiva per la prima volta in Italia un’offerta ad architettura aperta. Da quel momento nulla è stato più come prima. L’enorme massa di denaro accumulata dagli italiani ha attratto nel nostro bel Paese decine di SGR

continua a leggere...

Fee only da privilegio per pochi

per comprenderne il potenziale è bene partire da lontano, dai trend setter che nella finanza sono gli immancabili Millennials e i segmenti di clientela Private e HNWI. La consulenza «fee only» interessa all’89% degli HNWI e il 69% dei clienti private. Grazie al contributo delle reti dei CF alcuni servizi finanziari un tempo esclusiva di

continua a leggere...

Private banker: qualità ed economie di scala

Le Reti Private, caratterizzate dalla presenza dei Consulenti Finanziari, hanno superato la quota del 40% del mercato private italiano stimato in circa 800 miliardi: dato impensabile fino al 2012, quando i CF erano visti da alcuni banchieri con una certa sufficienza. Analizzando il modello di servizio delle reti scopriamo che in realtà ha sempre avuto

continua a leggere...

Sostenibilità tra slogan e realtà. Verso un’economia altruista?

Durante il recente Salone del Risparmio 2019, si aggiravano sopra il brusio alcune parole che non si è abituati ad associare al movimento dei mercati e alla vorticosa vita della finanza: ‘sostenibile è meglio’, dicevano in molti, ‘inclusivo ancora di più’ rispondeva l’eco, vantando anche i pregi di ecologia e parità di genere, Che il

continua a leggere...

2004-2019:15 Anni vissuti intensamente

Sono passati già 15 anni da quando (2004) ADVISOR vedeva la luce e qualche anno prima (nel 2001) abbiamo iniziato a studiare l’affascinante mondo dei Promotori Finanziari. Sembra ieri, ma se analizziamo la strada percorsa dal settore delle Consulenza Finanziaria sembrano passate ere geologiche e sono successe cose che 15 anni fa erano inimmaginabili anche

continua a leggere...

Il consulente non balla più da solo il team è il nuovo mantra

All’alba dei 55 anni e quindi all’inizio della sua maturità il Consulente Finanziario italiano sembra voler abdicare al ruolo da “battitore libero” che tanto ha contribuito al suo successo. È solo l’effetto dell’età che porta saggezza o anche del mercato che si sta facendo sempre più complesso? O è la conseguenza della necessità sempre più

continua a leggere...

Il bisogno di protezione e la sindrome da eterni Peter pan

Ha iniziato Intesa Sanpaolo apponendo sulle vetrine delle filiali la scritta Banca Assicurazione e ora non si contano più le banche che hanno seguito a ruota il suo esempio. Si tratta di un passo decisivo che sancisce una storia iniziata tanto tempo fa con il progetto Bancassurance che ha riguardato la maggior parte delle banche.

continua a leggere...

Investimenti illiquidi la finanza al servizio dell’economia reale

Il 2018 è stato certamente un anno complesso per i mercati finanziari, con il 90% delle asset class in negativo, ma allo stesso tempo un anno d’oro per i fondi di private equity e di venture capital.  Certamente si tratta di un mercato più piccolo che però, con quasi 10 miliardi di euro di investimenti,

continua a leggere...

Reti: aggregazioni in vista?

Il mondo della consulenza finanziaria basata sul modello delle reti è all’apice del suo successo, oltre 570 miliardi di Euro di patrimonio in gestione, in crescita costante anno su anno ha registrato una crescita del + 10,75% da Dicembre 2018 a Marzo 2019 contribuendo a far raggiungere al settore del risparmio gestito il suo record

continua a leggere...

Sempre più sfidante il ruolo del manager nelle reti dei cf

Le reti dei consulenti finanziari sono sempre più protagoniste di una crescita inarrestabile, oltre 570 miliardi di patrimonio e una quota di mercato presso la clientela private e gli imprenditori che supera il 30%. La crescita del modello rete si riscontra anche nei numeri a livello nazionale: oltre il 15% degli investitori italiani si affida

continua a leggere...

La consulenza non balla più da sola, il futuro è dell’advice olistica

La consulenza olistica, quella che abbraccia tutti i progetti del cliente è di fatto una realtà per molti professionisti del risparmio anche se non per tutti, l’Italia con Germania, Francia e Repubblica Ceca esprime il miglior potenziale anche se occorre migliorare la consapevolezza delle proprie competenze e investire in formazione La consulenza olistica si basa su

continua a leggere...

L’alba del nuovo consulente il tramonto del venditore

Il mondo della consulenza finanziaria compie in Italia i suoi primi 50 anni e a ben vedere rappresenta uno specchio fedele della nostra società e della sua evoluzione. Vediamo perché partendo dalle origini, partendo cioè dai mitici promotor finanziari. Sul finire degli anni ’70 e i primi anni ’80 gli allora promotori finanziari erano dei

continua a leggere...

Governance e gender diversity: le eccellenze italiane

Pochi forse tra i non addetti ai lavori conoscono Stefano Preda, fondatore e presidente del comitato guida sulla Corporate governanceche nel 1999 ha emanato il codice di autodisciplina delle società quotate in Italia, che porta il suo nome. È stato illuminante partecipare alla sua Lectio Magistralis lo scorso 17 giugno al Politecnico di Milano: “la corporate

continua a leggere...

Sostenibilità tra slogan e realtà. Verso un’economia altruista?

Durante il recente Salone del Risparmio 2019, si aggiravano sopra il brusio alcune parole che non si è abituati ad associare al movimento dei mercati e alla vorticosa vita della finanza: ‘sostenibile è meglio’, dicevano in molti, ‘inclusivo ancora di più’ rispondeva l’eco, vantando anche i pregi di ecologia e parità di genere, Che il

continua a leggere...

L’importanza di giocare in anticipo e la saggezza del maratoneta

Nella vita come nel lavoro ci sono persone e aziende che affrontano le sfide di petto, spesso anticipandole, e altre che preferiscono rimandare il momento del confronto, che spesso coincide con il “redde rationem”, facendo melina ovvero in gergo calcistico “cercando di trattenere la palla, a scopo ostruzionistico, al limite dei modi consentiti dal regolamento”.

continua a leggere...

Investimenti Esg ultima chiamata

Sostenibile, responsabile, inclusivo. La frontiera del risparmio gestito” è il titolo scelto da ASSOGESTIONI per il 10° Salone del Risparmio che si è tenuto a Milano dal 2 al 4 Aprile 2019. Il tema della sostenibilità e della responsabilità sociale è divenuto di grande attualità alla luce delle catastrofi naturali e degli scandali societari (Parmalat,

continua a leggere...

Reti vs banche: vuoi vincere facile?

Le reti dei consulenti finanziari hanno raggiunto a maggio il record di patrimonio gestito: 571,42 miliardi di Euro. È un risultato eccezionale, che sorprende piacevolmente ma non stupisce chi da anni osserva il crescente e inarrestabile successo di questo modello di servizio che si è affermato grazie innanzitutto alla capacità di una figura professionale –

continua a leggere...

Prima il banker e poi il suo cliente

La soddisfazione di chi lavora in un’organizzazione fatta di persone è uno dei prerequisiti fondamentali per la soddisfazione dei clienti di quella stessa organizzazione: in ultima analisi avere collaboratori più soddisfatti è il primo passo per soddisfare anche i propri clienti. A dircelo non è solo il buon senso ma ci sono un’infinità di dati

continua a leggere...

Stay hungry stay foolish ma anche tuned

Compie 14 anni il celebre discorso pronunciato da Steve Jobs all’Università di Stanford il 12 giugno 2005. Considerato il suo testamento, il discorso si chiude con la celebre frase “Stay hungry. Stay foolish”, un invito agli studenti a restare “affamati e folli”. Ovvero, non perdere mai la curiosità e l’ambizione di cambiare il mondo con

continua a leggere...

Chiamale se vuoi emozioni

Tra i motivi per cui le banche tradizionali universali – almeno per come le abbiamo conosciute fino ad oggi – sono a rischio di sopravvivenza c’è anche la loro sempre minor capacità di creare emozioni, cosa che invece le reti dei consulenti finanziari o le banche private sembra stiano imparando molto più rapidamente. Pochi però

continua a leggere...

In maniche di camicia per l’ambiente e non solo

Quanto è importante l’abbigliamento per i consulenti finanziari, i private banker e, in generale, per chi lavora in banca? Molto, così almeno la pensano i clienti e i grandi banchieri.  Partiamo dai clienti HNWI e private italiani: quasi un terzo di loro ricorda come era vestito il proprio private banker, uno su dieci ha scartato

continua a leggere...

La gestione delegata avanza, il consulente si adegua

La gestione dei fondi delegata a terze parti nel nostro Paese è tra le più dinamiche d’Europa sia in termini di crescita di AUM che di numero di fondi affidati ad asset manager esterni tramite mandati in delega. Questa sì che è una bella notizia, anche se non è una novità: sempre più spesso quando

continua a leggere...

Banker, clienti e il fattore chimico

Negli ultimi cinque anni il mercato del private banking sta assistendo a cambiamenti epocali mai visti in passato. L’ingresso di nuovi protagonisti con modelli di servizio alternativi a quelli tradizionali, l’importanza di essere punto di riferimento per tipologie di clienti molto diverse tra loro, l’aumento della pressione sui margini, impongono alle banche private tradizionali un

continua a leggere...

Perché liquidi? E perché no!

1.400 miliardi di euro fermi sui conti correnti: sempre più persone parlano di questa cifra enorme depositata sui conti correnti degli italiani, esimi studiosi e opinionisti producono quotidianamente tabelle in cui si evidenzia che se questi soldi fossero stati a suo tempo investiti, oggi avrebbero generato un rendimento anziché essere erosi dall’inflazione. Altrettanti importanti studiosi

continua a leggere...

Successione in Italia ancora un tabù ma non per le donne

Italiani popolo di eterni ottimisti o di spensierati sognatori? Sembrerebbe se consideriamo che soltanto il 20 % dei nostri connazionali ritiene che il tema del passaggio generazionale possa arrivare a riguardarlo in un prossimo futuro. L’incidenza aumenta se consideriamo gli imprenditori, ma anche in questo caso non si arriva a percentuali totalizzanti: si rimane ancorati

continua a leggere...

Finanza: tre miti da sfatare

Il cambiamento epocale che sta attraversando l’industria bancaria, del risparmio gestito e della consulenza finanziaria sembra sfatare alcuni miti. Donne e finanza Da sempre siamo abituati, come esploratori e ricercatori di mercato a confrontarci con il decisore finanziario all’interno delle famiglie e delle imprese e con il consulente finanziario nell’ambito della distribuzione. Ma siamo sicuri

continua a leggere...

Blockchain e consulenza: il diavolo e l’acqua santa

Esiste un sistema trasparente, accessibile a tutti e digitalmente incorruttibile per condividere i costi dei prodotti di risparmio gestito e mettere in contatto diretto domanda e offerta? Certo che sì! Si chiama blockchain e si tratta di un database decentralizzato, distribuito e resistente ad alterazioni, composto da una catena crescente di record, detti blocchi. La

continua a leggere...

Il valore della formazione

Si è appena concluso il World Economic Forum di Davos e tutti i più importanti manager e politici presenti hanno convenuto su un tema: il nostro futuro parte dalla formazione. Ginni Rometty la CEO di IBM, ha parlato di “skills crisis“,  Muriel Pénicaud, la ministra del lavoro francese,  ha detto che “oggi l’accesso al capitale

continua a leggere...

MiFID II: investitori finali e professionisti a confronto

Con l’obiettivo di tracciare un primo bilancio a un anno dall’introduzione di MiFID II, iShares e PIMCO hanno promosso la ricerca «MiFID II: investitori finali e professionisti a confronto», realizzata da FINER Finance Explorer a fine 2018. La ricerca ha coinvolto: 1.000 investitori di cui 500 con investimenti finanziari inferiori ai 100.000 euro, 300 tra

continua a leggere...

Dall’attacco alle torri gemelle alla presidenza di Donald Trump: storia del consulente finanziario e sua evoluzione negli ultimi 17 anni

Correva il mese di luglio del 2001 e realizzai, con un mio affezionato cliente, il primo monitoraggio sui consulenti finanziari (allora promotori finanziari), dopo solo due mesi, ci sarebbero stati i più gravi attentati terroristici dell’età contemporanea era l’11 settembre 2001. Da allora il mondo non sarebbe stato più lo stesso e i mercati pure.

continua a leggere...

Private banking le reti rinforzano l’immagine

Dall’ ultima edizione di FINER PB Explorer che ha coinvolto 1.755 Private Banker che lavorano nelle 30 principali banche private italiane è emerso un risultato molto chiaro: le reti dei CF, a cui oggi fanno capo oltre 300 degli 802 miliardi (pari al 37,5%) degli AUM riferibili al mercato private italiano, hanno scalato la classifica

continua a leggere...

I consulenti finanziari al servizio degli imprenditori italiani

In occasione della prossima Consulentia 2019, ANASF ha commissionato a FINER Finance Explorer una ricerca di mercato il cui obiettivo è quello di valutare il contributo del Consulente Finanziario all’economia reale del Paese. La ricerca ha coinvolto per la prima volta e simultaneamente un campione di 900 investitori finali e di 100 imprenditori italiani. Gli

continua a leggere...

Private banking si gioca sempre più in centrocampo

Sono passati solo sei anni, ma sembra trascorsa un’intera era geologica. I clienti private erano felici di affidare il loro patrimonio a ottimi professionisti – i private banker – che avevano un solo scopo nella loro vita: il mantenimento del valore del capitale dei loro (facoltosi) clienti. Poi il mondo è improvvisamente cambiato: sono scomparsi

continua a leggere...

Chi si è fatto da sé e si è trovato i clienti personalmente vincerà

C’è una buona notizia: da un paio di anni assistiamo ad un aumento del numero dei CF abilitati all’offerta fuori sede e aumentano (anche se sono ancora troppo poche) le CF donne. C’è però anche una notizia meno buona: non si tratta della cosiddetta “crescita organica” cioè di una professione che si autoalimenta dal proprio

continua a leggere...

Manager da estinzione

C’erano una volta i manager di rete, o meglio ci sono ancora, ma sono molti meno e dovrebbero velocemente adattarsi al nuovo clima, cambiando pelle e ruolo altrimenti rischiano l’estinzione. Sì perché una volta – parliamo dei primi anni novanta – le reti erano un po’ come le piramidi: chi stava ai gradini più bassi

continua a leggere...

Cliente educato consulente stellato

MiFID 2 e educazione finanziaria: un’opportunità da non lasciarsi sfuggire: “La disponibilità a pagare si associa positivamente con conoscenze, abilità di calcolo, attitudini cognitive, tolleranza alle perdite di breve termine e fiducia” (Nadia Linciano CONSOB, “Scelte di Investimento delle famiglie italiane 2018”). Conoscere significa saper valutare, saper valutare significa dare un valore alle cose, dare

continua a leggere...

Quando il senso di appartenenza è tutto

Il senso di appartenenza è il primo degli elementi più importanti nel motivare e rendere più soddisfatti i Consulenti Finanziari rispetto alla propria mandante. Questo è il risultato della edizione 2018 di FINER® CF Explorer il monitoraggio sui CF che ha coinvolto 3.000 consulenti finanziari delle principali 10 reti (Allianz, Azimut, Generali, Fideuram, IW Bank,

continua a leggere...

Consulenza finanziaria: quando le parole contano

Proviamo a pensare a quanto contino le parole, non solo in ogni momento della nostra vita, ma anche e soprattutto nel settore del risparmio gestito e della consulenza finanziaria. Per rispondere potremmo con questo articolo varare una nuova analisi: la semantica della consulenza finanziaria. Pensiamo a che cambiamento ha portato e sta portando il passaggio

continua a leggere...

La consulenza, una questione di orecchie

Sempre più spesso si parla di empatia o per dirla in inglese di “customer intimacy” come uno dei fattori di successo del modello dei consulenti finanziari rispetto ad altre figure professionali (i gestori bancari) o virtuali (i robo advisor). Di cosa si tratta? In realtà è una dote vecchia quanto l’uomo: si tratta della capacità

continua a leggere...

Alla (ri) conquista del cliente

Il mercato della consulenza finanziaria in Italia è cresciuto tantissimo negli ultimi anni, arrivando oggi a superare abbondantemente quota 500 miliardi di Euro di masse in gestione, 4,1 milioni di clienti e oltre 26mila CF con mandato attivo.  Si tratta però di una crescita non totalmente organica, basata per lo più sul reclutamento di professionisti

continua a leggere...

Private banking, reti e banche a vincere sarà il servizio

Dieci anni fa il numero uno della più importante società di gestione del risparmio statunitense, mi disse: “vedrai che, come già avvenuto in UK ed US, il mercato private sarà presto gestito dai promotori finanziari (si chiamavano così allora)”. Confesso che all’epoca mi sembrava un’ipotesi azzardata, ora sembra che la profezia si stia avverando: degli

continua a leggere...

Private banking e luxury goods un matrimonio perfetto

Abbiamo assistito con grande interesse all’ultimo Wealth Management Forum 2018 organizzato da Advisor ed in particolare alla tavola rotonda in cui banchieri navigati si confrontavano con un concessionario di auto dal marchio prestigioso e destinate allo stesso target – private e HNWI – delle loro banche private. L’occasione era ghiotta, quasi sempre infatti il confronto

continua a leggere...

La festa è finita?

Dopo anni di mercati in rialzo, margini elevati, le rendite di posizione sembrano svanire e appare una polarizzazione della domanda e dell’offerta. Da un lato c’è un mercato per i prodotti a costo zero che rispondono ad esigenze basiche, dall’altro prodotti fatti su misura di alta qualità caratterizzati da una fortissima unicità. L’industria della consulenza

continua a leggere...

Midfid 2 basta parlare di costi!

Dai monitoraggi che FINER conduce periodicamente dall’entrata in vigore di MIFID 2 sui professionisti del risparmio e sugli investitori finali, pare che i costi legati agli investimenti siano il principale tema di preoccupazione. Quando l’attenzione cade solo sui costi ci sono due effetti: 1) l’innescarsi della guerra dei prezzi; 2) la qualità passa in secondo

continua a leggere...

Midfid 2 perche’ è fondamentale giocare di anticipo

La tanto citata e – in qualche caso vituperata MIFID 2 – ha prodotto e sta producendo almeno cinque importanti effetti nell’industria del risparmio gestito e della consulenza finanziaria. Il primo e più evidente è la pressione sui margini delle case terze, la rincorsa ai mandati di sub-advisory (l’Italia è il primo paese nella UE)

continua a leggere...

Di chi è il cliente?

Quando un professionista decide di cambiare banca si pone il quesito essenziale: quanti clienti mi seguiranno nella nuova realtà? Quasi tutti i professionisti prima di prendere la decisione finale sondano il terreno con i propri clienti. Il numero di clienti che segue il professionista nel cambio di banca dipende da tanti elementi. Il primo e

continua a leggere...

Consulenti finanziari, un’arte sempre piu’ complessa

Il 33% dei Consulenti Finanziari dichiara di essere meno soddisfatto nei confronti della propria mandante rispetto all’anno scorso (fonte CF Explorer 2018, rilevazione giugno-luglio). Il cambiamento di sentiment è forse il più significativo dal lontano 2001 (quando lanciai la prima edizione in di PF Monitor in Explorer Marketing Research). Le ragioni sono molte ma quasi

continua a leggere...

La passione come fattore di successo

Si parla di “commitment” o “engagement” come chiave di successo per i professionisti del risparmio, forse è la semplice passione di chi è coinvolto personalmente in quello che fa, ci crede, crede di saperlo fare bene ed è mosso da un’energia magnetica. Il tema cruciale per chi è chiamato a gestire un gruppo CF o

continua a leggere...

Private banking quando a scegliere il modello vincente è il cliente

Nel 2006, un mio cliente visionario, il numero uno della filiale italiana della più grande società di AM al mondo mi disse: “vedrai Nicola, anche in Italia prima o poi il mercato del private banking sarà gestito dai Financial Advisor come in UK ed in USA” (in Italia all’epoca si chiamavano Promotori Finanziari). Io rimasi

continua a leggere...

Reti alla conquista dei clienti wealth

Aumenta il peso degli intermediari che utilizzano i consulenti finanziari, spesso condivisioni dedicate, per seguire i clienti piu ricchi. ​ Ricerca: FINER ® Finance Explorer: Campione: 600 interviste a clienti “private” (con asset finanziari da mezzo milione di Euro in su), di cui 357 clienti che hanno come referente principale per gli investimenti un Private

continua a leggere...

La flat tax per paperoni un’occasione da non lasciarsi sfuggire per i nostri private banker e consulenti finanziari

Per ora sono solo 160 i “paperoni” che stanno puntando sull’Italia come lido per fare approdare il loro patrimonio o parte di esso grazie alla “flat tax” da 100 mila euro sancita con la legge di Bilancio del 2017. Si tratta di una vera e propria tassa “acchiappa ricchi” pensata per attirare in Italia chi

continua a leggere...

Educazione Finanziaria On Demand?

Quando una persona deve acquistare casa ricorrendo ad un mutuo o ad un prestito prima di farlo non sa nulla dei costi, dei vantaggi e degli svantaggi di una proposta di un’altra, dopo che l’ha sottoscritto ed – auspicabilmente – prima di farlo ha imparato tutto tant’è che nel 45% dei casi consiglia amici e

continua a leggere...

Mifid 2 gli hnwi sono i primi a lasciare se i conti non sono equi isory per vincere il rally dei mercati

Ricerca FINER Finance Explorer su 100 HNWI Italiani Campione: 100 individui HNWI (In Italia sono circa 150.000) con disponibilità finanziarie superiori ai 5 milioni di Euro Modalità di intervista: telefonica Periodo di rilevazione: maggio 2018 Risultati della ricerca in pillole: CONOSCENZA DELLA MIFID 2 Il 87% degli intervistati conosce la MIFID 2 (contro il 70%

continua a leggere...

Italia prima in europa nel sub advisory per vincere il rally dei mercati

Questa sì che è una bella notizia, anche se non è una novità: sempre più spesso quando si parla di risparmio gestito l’Italia va a podio e l’odiosa metafora del “fanalino di coda” viene lasciata ad altri settori. Stiamo parlando di sub-advisory, cioè della gestione delegata a terze parti che nel nostro paese è tra

continua a leggere...

Banche tradizionali occhio al cliente private/hnwi

C’è ancora chi pensa al cliente private ed HNWI come a quella bella signora in giallo della pubblicità della Ferrero che chiedeva il cioccolatino ad Ambrogio il suo autista: ebbene sono passati quasi trenta anni e l’idealtipo del cliente HNWI è radicalmente cambiato. Questo è quello che emerge dallo studio “Private Revolution” condotto da FINER

continua a leggere...

Esg e sri è la volta buona?

All’inizio degli anni ’90, la Henkel, colosso tedesco del settore home care, ha lanciato sul mercato Atlas, una linea di detersivi ecologici per il bucato e per la casa, e fu un pazzesco flop ecologico soprattutto in Italia. Allo stesso tempo i primi fondi etici lanciati in Italia si rivelarono prodotti per pochi e coraggiosi

continua a leggere...

Ci vuole sempre più coraggio

Durante il Salone del Risparmio 2018 – il più bello di sempre – ho assistito alla conferenza di Goldman Sachs in cui era relatore Paolo Crepet, psichiatra, sociologo e scrittore italiano: ed è stato per me illuminante. La benefica invasione degli psicologi e degli psichiatri nella finanza è ormai un dato felicemente assodato: da John

continua a leggere...

Private banking per i paperoni fa sempre più rima con rete di consulenti finanziari

Tra le dieci migliori banche a cui i paperoni italiani affiderebbero i loro milioni di Euro cinque sono reti di consulenti finanziari: Questo è quello che emerge dallo studio “Private Revolution” condotto da FINER Finance Explorer su un campione di 100 clienti top private italiani (individui con disponibilità finanziarie superiori ai 5 milioni di Euro,

continua a leggere...

Mifid2 alla resa dei conti

Segmentazione dei clienti più netta rispetto al passato con minori margini per la clientela retail e maggiori per il private banking? La pressione sulle commissioni andrà a colpire maggiormente le SGR ed in secondo luogo i CF? Dall’architettura aperta a quella chiusa? Le società mandanti dovrebbero imparare dagli chef e proporre menù degustazione invece che

continua a leggere...

Consulenza finanziaria le nuove frontiere tra chatbot e smart speaker

Quanti clienti può gestire un consulente finanziario? Quando a Consulentia 2018 il capo di una famosa rete ha risposto trecento si sono levati fischi in platea. Ovviamente il numero esatto dipende da molte variabili (tipo di clienti, dimensioni del portafoglio, strumenti messi a disposizione della mandante ecc. ecc.), è tutt’altro che campato in aria ed

continua a leggere...

Rivoluzione nel mondo delle ricerche

Il settore sta assistendo all’arrivo di nuovi operatori legati anche al digitale e a scelte, da parte dei grandi player, che vanno a discapito delle funzioni client driven e che lasciano più spazio alle strutture più snelle e dinamiche.  ​ Correva il 1992 e fresco di laurea alla Bocconi con una tesi dal titolo “Informazione

continua a leggere...

Dall’architettura aperta all’architettura chiusa? Impatto di mifid 2 sulla relazione tra sgr e distribuzione

Sotto la spinta delle opportunità offerte dal modello di distribuzione ad architettura aperta, dal 2005 al 2017, le dinamiche della distribuzione di fondi di terzi presso le reti dei consulenti finanziari, private banker, dipendenti bancari hanno registrato una crescita costante. Secondo un’analisi condotta da FINER i cui risultati saranno presentati in anteprima al Salone del

continua a leggere...

Rete multitasking più forte con nuove regole

QUALE SCHEMA DI GIOCO ADOTTARE PER VINCERE IL CAMPIONATO   Il mercato delle reti dei consulenti finanziari – pur in ottima salute – si sta avviando ad una maturità forse meno serena di quello che si sarebbe potuto pensare qualche anno fa. Tre le cause: la MIFID 2 porterà ad una riduzione dei margini di intermediazione

continua a leggere...

Caro papà, pensa alla successione

Oggi è la festa del papà e potrebbe a prima vista sembrare dissacrante parlare di successione e ricambio generazionale, ma in realtà non solo non lo è, ma – semmai – è un modo per onorarne la funzione sociale di moderno coprotagonista – con la figura materna – all’interno del nucleo famigliare e per sottolinearne

continua a leggere...

Risparmio e investimenti degli italiani: ruolo centrale del consulente

In Italia, si risparmia ancora molto (oltre otto italiani su dieci) ma si investe meno di dieci anni fa (3 su dieci, erano 5 nel 2002), anche se il trend sembra in leggera crescita, più quattro miliardi di Euro giacciono lasciati a sé stessi, o meglio, non gestiti, sui conti correnti. Una grande opportunità persa

continua a leggere...

Il sole 24 ore: è tempo di nuovi finance explorer

Da cinque anni il mondo del private banking sta vivendo cambiamenti epocali, certamente più di quanti non ne aveva vissuti negli ultimi trenta anni. Ma non è che l’inizio: il cambiamento è ancora in atto e la rivoluzione in corso. Ed a cambiare non è solo l’offerta ma soprattutto sono i clienti. I nuovi paperoni

continua a leggere...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi